Estorsione e botte ai pub, condannata la banda dei ‘violenti’: pene fino a 5 anni e mezzo di reclusione

La difesa: 'Smontata l'accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso'

0

Ore 11.15. Il collegio penale del Tribunale di Campobasso presieduto dal giudice Enrico Di Dedda ha condannato i protagonisti degli episodi di violenza verificatisi nel 2012 in alcuni pub per lo più di Campobasso, finiti nel mirino degli inquirenti nell’ambito dell’inchiesta ‘Sei Torri’. In particolare sono stati condannati: M.C. a 5 anni e sei mesi di reclusione e 4mila euro di multa, oltre all’interdizione per 5 anni dai pubblici uffici, V.S. a 5 anni e un mese di reclusione, 4mila euro di multa e interdizione dai pubblici uffici per 5 anni, L.C. e A.C. a 11 mesi di reclusione, E.G. e C.G. a 7 mesi di reclusione, M.F., F.F. e L.I. a 6 mesi di reclusione e 1000 euro di multa. Per tutti inoltre il carico delle spese processuali. Assolto R.R. perché il fatto non sussiste, così come gli altri imputati per alcuni capi di imputazione. I reati per i quali è stata riconosciuta la penale responsabilità riguardano per lo più episodi di lesioni personali e danneggiamento. Caduta l’accusa più grave, quella di associazione a delinquere di stampo mafioso. “L’ipotesi accusatoria principale è stata sbriciolata – commenta uno degli avvocati difensori Carmine Verde. – Sono parzialmente soddisfatto della decisione dei giudici che hanno accolto la mia tesi, non sono d’accordo su alcune condanne per le quali ricorrerò in Appello”. Una decina gli arresti eseguiti dalla Polizia di Stato nel 2013, alcuni degli indagati – come i fratelli C. e V.S. – sono stati sottoposti a misura cautelare per quasi due anni, in alcuni casi quindi oltre la reale condanna inflitta oggi. Il pm Gallucci aveva chiesto condanne fino a un massimo di 9 anni, facendo leva nella sua requisitoria circa l’esistenza di un presunto sodalizio criminale composto dagli imputati per garantire ‘protezione’ ai pub con atti dimostrativi violenti e ritorsioni. Ma per i giudici, che hanno riconosciuto la colpevolezza della maggior parte degli imputati per una parte delle contestazioni, non vi sono elementi che provino la composizione di un vero e proprio sodalizio. Le motivazioni della sentenza saranno depositate entro 90 giorni. Seguono aggiornamenti.

Potrebbe interessarti anche Altri articoli di MoliseTabloid

Commenta l'articolo

L'indirizzo email non verrà pubblicato.